presentazione del Terzo Rapporto di Avviso Pubblico PDF Stampa E-mail
Lunedì 24 Marzo 2014 10:57

FILIPPO TORRIGIANI ALLA PRESENTAZIONE DEL III RAPPORTO DI AVVISO PUBBLICO “AMMINISTRATORI LOCALI SOTTO TIRO”

Questa mattina, a Roma, presso i Musei Capitolini, Filippo Torrigiani ha partecipato alla presentazione del Terzo Rapporto di Avviso Pubblico intitolato “Amministratori sotto tiro. Intimidazioni mafiose e buona politica”.

“Si tratta di lettere contenenti minacce e proiettili, auto incendiate, spari alle abitazioni, uso di esplosivi, aggressioni verbali e fisiche, sequestro di persona, ferimenti con colpi di arma da fuoco, omicidi” ha affermato Torrigiani illustrando i contenuti del Rapporto di Avviso Pubblico presentato nella Sala Pietro da Cortona, alla presenza, tra gli altri, di Rosy Bindi, Presidente della Commissione parlamentare antimafia, e del Ministro per gli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta.

Nella foto: Filippo Torrigiani con Agnese Moro, figlia di Aldo Moro. Nel Terzo Rapporto di Avviso Pubblico è contenuta un’intervista alla figlia dello Statista ucciso dalle Brigate Rosse.

“Nel 2013 il Rapporto ha censito 351 atti di intimidazione e di minaccia nei confronti di amministratori locali e funzionari pubblici – prosegue Torrigiani – con una media di 29 intimidazioni al mese, cioè una al giorno”.

“Ovviamente questi sono soltanto i fatti di cui si è venuti a conoscenza consultando fonti di stampa, sia nazionale che locale. Rispetto al 2010, anno del Primo Rapporto, si registra un aumento del 66%, distribuito tra 18 regioni, 67 province e 200 comuni”.

Il primato quest’anno va alla Puglia, con 75 casi di minacce e di intimidazioni, seguita dalla Sicilia con 70 casi e dalla Calabria con 68 casi. In aumento anche i casi nelle regioni del Centro Italia, in particolare nel Lazio, e nelle regioni settentrionali, dove si è registrato il 12% dei casi.

Ancora Torrigiani “La Toscana entra per la prima volta in questa triste graduatoria collocandosi al 9° posto (nel 2010 era assente) con 8 casi di intimidazione censiti. Quanto agli atti intimidatori, questi sono per lo più diretti verso gli amministratori, i loro parenti e i familiari più stretti, ma nel mirino ci sono anche strutture e mezzi pubblici, abitazioni, automobili”.

Filippo Torrigiani è coordinatore nazionale del gruppo di lavoro di Avviso Pubblico “Comuni per il gioco responsabile” attraverso il quale egli prosegue l’impegno al contrasto del fenomeno del gioco di azzardo e, più in generale, della dipendenza dal gioco (lotterie, scommesse, ecc). Un impegno che lo ha portato, tra l’altro, a promuovere ed illustrare le iniziative di contrasto del fenomeno realizzate dal Comune di Empoli all’epoca del suo impegno nella Giunta di Luciana Cappelli.

 

 

SEO Bredbånd Udvikling Internet